Come si svolge la donazione

×

Messaggio di errore

Deprecated function: The each() function is deprecated. This message will be suppressed on further calls in menu_set_active_trail() (linea 2404 di /home/fspxafdp/public_html/includes/menu.inc).

Chi dona sangue deve godere di un buono stato di salute. Solo in questo modo è possibile proteggere sia il donatore sia il ricevente.
Perciò, la prima cosa che viene consegnata quando si arriva al centro trasfusionale è un questionario medico da riempire in modo coscienzioso e impiegando tutto il tempo necessario.
Il questionario permette di valutare lo stato di salute attuale del donatore e di stabilire, di conseguenza, l’idoneità alla donazione. Successivamente al volontario viene eseguita una misura della pressione e un pre-test sanguigno sul polpastrello di un dito.
Solo dopo il colloquio col medico del centro trasfusionale viene accertata l’idoneità del candidato e quindi effettuata la donazione.
Il giorno del prelievo è preferibile presentarsi a digiuno o dopo una leggera colazione a base di frutta fresca o spremute, thè o caffè poco zuccherati. Non si possono mangiare cibi solidi né bere latte.
Il prelievo del sangue dura tra i 5 e i 10 minuti ed è del tutto innocuo, in quanto effettuato con materiale sterile e monouso.

Per legge, il sangue prelevato oscilla tra i 450 ml. +/- 10%.

Ai donatori di sangue e di emocomponenti con rapporto di lavoro dipendente, ovvero interessati dalle tipologie contrattuali di cui al decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276, hanno diritto ad astenersi dal lavoro per l’intera giornata in cui effettuano la donazione, conservando la normale retribuzione per l’intera giornata lavorativa.
La frequenza massima delle donazioni di sangue intero è di quattro volte l’anno (con intervalli minimi di 90 giorni fra una donazione l’altra), ma per le donne in età fertile la frequenza scende a due. Per altri tipi di donazione l’intervallo tra una donazione e la successiva è sensibilmente inferiore: ad esempio l'intervallo tra una donazione e l'altra di solo plasma, può essere anche di solo 14 giorni poiché il plasma si rigenera molto rapidamente, senza alcuna conseguenza o ripercussione negativa.

Ecco, nello specifico, l’elenco degli intervalli minimi previsti dalla legislazione italiana:
 

  • da donazione di sangue intero a donazione di sangue intero: 90 giorni tra una donazione e l'altra;
  • max. 4 volte l'anno per l'uomo, 2 volte l'anno in età fertile per la donna;
  • da donazione di sangue intero a donazione di plasma: 1 mese;
  • da donazione di plasma a donazione di sangue intero: 14 giorni;
  • da donazione di plasma a donazione di plasma: 14 giorni;
  • da donazione di sangue intero a donazione di piastrine: 1 mese;
  • da donazione di piastrine a donazione di sangue intero: 14 giorni;
  • da donazione di piastrine a donazione di piastrine: 15 giorni (massimo 6 donazioni all'anno);
  • da donazione di multicomponenti a donazione di multicomponenti: 3 mesi.
     

Dopo il prelievo viene offerto un ristoro per reintegrare i liquidi e migliorare il comfort post donazione.